Font Size

SCREEN

Cpanel

Coro diocesano

0 Comments

Il Coro diocesano è stato costituito verso la metà degli anni '90, per animare le principali liturgie diocesane presiedute dal Vescovo; l’IDML ne cura la formazione e le prove (di solito l’ultimo lunedì del mese) e propone con il Coro anche momenti concertistici di conoscenza della musica liturgica antica e recente. La partecipazione al Coro è aperta a tutti coloro che desiderano dare il proprio contributo, con il canto, per la qualità delle celebrazioni diocesane e per ampliare il proprio repertorio di canti liturgici attuali o delle tradizioni liturgiche del passato. Le prove si tengono normalmente la sera dell'ultimo lunedì del mese; un calendario speciale di prove viene stabilito quando necessario, in vista di impegni particolari. Con il Coro diocesano, l'IDML ha realizzato, negli ultimi cinque-sei anni, alcuni concerti e spettacoli, a volte legati a occasioni particolari (La Chiesa dei santi, cattedrale dei viventi, in occasione del Giubileo del 2000; Quella luna d'ottobre, nel 40° del Concilio Vaticano II), ma per lo più tali da poter essere riproposti in occasioni e ambienti diversi.

Queste alcune delle proposte principali in repertorio (per maggiori informazioni tecniche, contattare la Segreteria IDML)

Ceremony of Candles

Un particolare “concerto di Natale”, che utilizzando e arrangiando brani tradizionali o di autore del tempo di Avvento e Natale, costruisce un itinerario di grande interesse intorno al tema della luce. Ai canti (scelti, adattati e arrangiati dal compositore Joseph M. Martin) si uniscono alcuni testi biblici e, nella versione proposta dall’IDML, anche alcuni testi poetici (con autori come B. Brecht, S. Quasimodo, T.S. Eliot, D. Rimaud, E. Fiore…) che aiutano a cogliere il filo conduttore della proposta. Un modo suggestivo di prepararsi al Natale o di celebrarlo, con un ascolto che dura circa un’ora: per soli, coro (compreso anche coro di bambini), ensemble strumentale e voce recitante.

 

Missa Gaia / Earth Mass

Un “messa” per coro, solo e strumenti (chitarra, percussioni, sax, corno, violoncello, pianoforte, organo, suoni registrati…), pensata come un grande “canto di lode a Dio per il creato”: composta da varia autori, coordinati da Paul Winter, e realizzata per la Cattedrale di St. John the Divine di New York, comprende canti su testo libero (che attingono al Cantico delle Creature di S. Francesco, al Vangelo - Beatitudini - e ad altri testi) e alcuni dei canti tradizionali della messa: il Kyrie, il Sanctus, l’Agnus Dei; con le voce e i suoni degli strumenti si intrecciano anche le registrazioni di suoni di animali (l’ululato del lupo che fornisce il tema al Kyrie; i suoni della “balena gobba”, il canto degli uccelli) e della natura, per realizzare una lode corale e suscitare un invito a salvaguardare anche per le generazioni future il dono del creato.

To Hope! A Celebration
Grande messa per soli, coro, gruppo strumentale e quartetto jazz, del compositore americano Dave Brubeck. Una messa composta secondo l'attuale rito liturgico (testi in inglese), che valorizza i variegati stili musicali del mondo nord-americano, con l'inserimento di momenti di improvvisazione jazzistica. L'IDML lo propone in versione integrale, con un complesso strumentale costituito da organo, celesta, quartetto di ottoni, ampio set di percussioni e quartetto jazz (pianoforte, sax, contrabbasso, batteria).

Canti di lode. Un concerto di canti per la liturgia
Si tratta di un concerto composto esclusivamente di canti composti per la liturgia negli ultimi vent'anni circa in ambiente reggiano, ma realizzati in forma di concerto: un modo per proporre il repertorio liturgico in forma inconsueta, che permette di valorizzarne la qualità musicale e offre al tempo stesso l'opportunità di realizzare come un "concerto spirituale". È prevista anche la possibilità di alternare ai canti la lettura di testi poetico-religiosi, anche di origine popolare e/o dialettale, fino a realizzare una vera e propria "veglia di preghiera" a tema.

Canti di lode dal mondo
Un concerto di musica liturgica, che attinge a repertori ed epoche diverse, per mostrare la varietà di linguaggi musicali utilizzati nella storia antica e recente della produzione musicale per la liturgia. Il concerto prevede tra l'altro l'esecuzione integrale della Missa luba per soli, coro e percussioni, che coniuga la tradizione liturgica europea con quella africana (Congo), e della Missa criolla di A. Ramirez, capolavoro della musica sudamericana (Argentina) valorizzata in versione liturgica.

Bibbia e musica
L'ascolto di pagine della Bibbia in un contesto teatrale, e con l'intreccio di interventi musicali. apre orizzonti inaspettati e permette di evidenziare particolarità e bellezze anche letterarie dei testi sacri di Israele e della Chiesa, che altrimenti potrebbero sfuggire; e offre anche occasioni di proposta della parola biblica anche in un contesto culturale più ampio di quanto non sia possibile di solito. L'IDML è disponibile a studiare vari progetti in merito, oltre che a realizzarne alcuni già collaudati, quali la lettura del Libro di Giobbe (con musiche contemporanee per violino e pianoforte), del Cantico dei cantici (con brani per flauto e chitarra), del Libro del Qoelet (con musiche per violoncello solo). Realizzabile in chiesa o in altri ambienti, ciascuna di queste "letture" richiede un numero ridotto di esecutori (1-2 attori, 1-2 musicisti) e una strumentazione tecnica ridotta al minimo, per una durata di circa 60 min. ciascuna.

Morte e vida Severina
“Poema drammatico” su testo di Joao Cabral de Melo Neto e musica di Chico Barque de Hollanda, un grande della "bossa nova" brasiliana. Uno spettacolo che immerge nell'atmosfera insieme magica e drammatica del nord-est brasiliano, il racconto della storia di un "retirante" che scappa dall'interno per andare a cercare fortuna e lavoro verso il mare, a Recife. Un viaggio alla ricerca della vita, continuamente sfidata dalla morte incontrata a ogni tappa: a volte violenta, a volte dolce, ma pur sempre morte, alla quale risponde il "natale", la nascita di un bambino, figlio di José di Nazaré, che si impone come tenue e tenace filo di speranza.

Contatti

Istituto diocesano di musica e liturgia

via L.Reverberi,3 - 42121 Reggio Emilia - Italy

tel. e fax: [+39] 05 22 43 79 59

La Segreteria è aperta al pubblico (festivi esclusi):

  • lunedì, martedi e giovedì dalle 15 alle 19

Cliccate sul pulsante per scrivere e inviare un’email all’IDML: 

apre programma email

Siamo qui