Font Size

SCREEN

Cpanel

Papa Francesco e la musica

0 Comments

Richiesto da un giornalista di spiegare perch茅 papa Francesco non canta, il portavoce della Sala Stampa p. Federico Lombardi ha risposto: 鈥淧erch茅 il Papa non canta? Credo che abbia una certa afonia鈥 (cf. qui).

Non me ne voglia p. Lombardi 鈥 al quale mi lega una grande stima e l鈥檃ntica condivisione del servizio pastorale alla parrocchia 鈥淪. Gregorio Magno鈥 alla Magliana, inclusi i viaggi in bicicletta per arrivare dal centro di Roma alla parrocchia 鈥 ma la questione 猫 pi霉 semplice: 鈥鈥 sono stonatissimo鈥, diceva l鈥檃llora card. Bergoglio, intervistato da S. Rubin e F. Ambrogetti: l鈥檌ntervista (o meglio un libro-intervista), uscita nel 2010 col titolo El Jesuita, 猫 ora pubblicata in italiano (cf. J.M. Bergoglio, Papa Francesco. Il nuovo papa si racconta. Conversazione con Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti, Salani, Milano 2013), e questa semplice affermazione si legge a p. 118.

Ma, per quanto stonato (per sua stessa affermazione, quindi), papa Francesco ama la musica, come gi脿 il suo predecessore Benedetto XVI; forse con gusti almeno in parte diversi. Trascrivo qui alcune righe del libro-intervista (p. 116):

Una composizione musicale?

Tra quelle che preferisco, sicuramente  l鈥檕uverture Leonore numero 3 di Beethoven nella versione di Furtw盲ngler, che secondo me 猫 il miglior direttore di alcune delle sue sinfonie e delle opere di Wagner.

Le piace il tango?

Oh, s矛, moltissimo. 脠 una cosa che mi nasce da dentro. Conosco abbastanza bene entrambe le sue epoche. Della prima, i miei preferiti sono l鈥檕rchestra di D鈥橝rienzo e, come cantanti, Carlos Gardel, Julio Sosa e Ada Falc贸n, che poi si fece suora. Ad Azucena Maizani ho addirittura amministrato l鈥檈strema unzione. La conoscevo perch茅 eravamo vicini di casa, e quando sono venuto a sapere che era ricoverata sono andato a trovarla. Ricordo che c鈥檈rano anche Virginia Luque e Hugo del Carril. Della secondo epoca, ammiro molto Astor Piazzolla e Amelia Baltar, la cantante che interpreta meglio le sue opere.

E lo sa anche ballare?

S矛, lo ballavo da giovane, anche se preferivo la milonga.

 

Bergoglio e la Misa Criolla.

Il 25 settembre 2003, a Sen Nicolas de Los Arroyos, Bergoglio partecip貌 all鈥檈secuzione della Misa Criolla di A. Ramirez realizzata nel 40掳 della composizione della Misa stessa, e intervenne con alcune parole, cos矛 ricordate dal cantante argentino Maximilianos Bagnos:  鈥Esord矛 ricordando i grandi canti sacri che nacquero molti secoli fa: il gregoriano, la polifonia鈥 e sottoline貌 come ogni popolo, per celebrare la Messa, diede il meglio di s茅 creando vere e proprie opere d'arte in musica. Poi parl貌 della Misa Criolla: la defin矛 canto di Dio che nasce dalla nostra cultura, capolavoro con generi e ritmi musicali propri del nostro paese. Il cantante argentino se lo ricorda bene, il finale di quell'intervento: 鈥楲'arcivescovo si augur貌 che l'ascolto di quelle note potesse avvicinarci di pi霉 al Signore. Ma non solo. Anche ai nostri fratelli. E non in un momento qualsiasi: durante la celebrazione eucaristica. Il contesto nel quale quel canto trova il suo naturale spazio鈥欌 (cf. qui)

Letto 38754 volte Ultima modifica il Domenica, 12 Gennaio 2014 21:55
Altro in questa categoria: « Sax e liturgia: binomio possibile?
Devi effettuare il login per inviare commenti